La Zona di Libero Scambio di Shanghai e quella del Guangdong a confronto

A cura di China Briefing.

In modo del tutto analogo alle politiche strutturali e legislative della Zona di Libero Scambio (FTZ) di Shanghai, lo scorso aprile la zona di libero scambio del Guangdong è stata lanciata insieme con quelle di Tianjin e di Fujian. Con Shanghai che è considerato de facto il centro finanziario della nazione e con il Guangdong che costituisce uno dei principali centri manifatturieri e commerciali del mondo, sia la Shanghai FTZ sia la Guangdong FTZ hanno attirato l’attenzione degli investitori stranieri che intendono entrare in un mercato cinese maggiormente liberalizzato. Sebbene la Shanghai FTZ e la Guangdong FTZ siano regolate da politiche simili, tuttavia esistono importanti differenze tra le due zone, ragion per cui gli investitori stranieri devono prestare la massima attenzione dello scegliere la località che possa soddisfare maggiormente le proprie esigenze.

Una comparazione geografica e per settori

Le Free Trade Zones di Shanghai e del Guangdong presentano una estensione simile, con la Shanghai FTZ che si estende per 120,27 metri quadrati e la leggermente più piccola Guangdong FTZ che copre 116,2 metri quadrati. La Shanghai FTZ è stata recentemente allargata per includere gran parte della città ed è attualmente divisa in tre sezioni: Lujiazui – il distretto finanziario della città, Jinqiao e Zhangjiang – il distretto dell’alta tecnologia. Il settore del leasing finanziario è uno dei comparti più popolari e promettenti nella Shanghai FTZ. Ad oggi, più di 400 società di leasing finanziario si sono stabilite all’interno della zona con un capitale sociale totale che supera i 300 miliardi di RMB.

Analogamente, la Free Trade Zone del Guangdong presenta tre suddivisioni: il Nuovo Distretto di Guangzhou Nansha, Shenzhen Qianhai Shekou e il Nuovo Distretto Zhuhai Hengqin. Il Nuovo Distretto di Guangzhou Nansha è stato creato per permettere una liberalizzazione degli investimenti stranieri nei settori della finanza, dei trasporti marittimi, della logistica e del commercio internazionale. Il Nuovo Distretto di Zhuhai hengqin si concentra sul turismo, sull’intrattenimento e sulla tecnologia.

Restrizioni e opportunità a confronto

Le Zone di Libero Scambio in Cina seguono tutte la stessa “Negative List”, un documento che elenca nel dettaglio i settori in cui gli investimenti stranieri sono limitati o proibiti. Gli investimenti stranieri in ogni settore al di fuori della Negative List sono trattati alla pari degli investimenti nazionali. Ciò detto, sia la Free Trade Zone di Shanghai sia quella del Guangdong sono dotate ciascuna di autorizzazioni esclusive.

Vantaggi della Guangdong FTZ

Politiche preferenziali per Hong Kong e Macao

Una delle maggiori differenze tra la Shanghai FTZ e la Guangdong FTZ risiede nella politica che regola gli investimenti da Hong Kong e da Macao. Ai fini della Negative List, gli investitori provenienti da Hong Kong e da Macao dovrebbero essere trattati come investitori stranieri. Tuttavia, poiché la Guangdong FTZ mira a rafforzare l’integrazione tra Hong Kong, Macao e il Guangdong (che è direttamente adiacente ai due territori), gli investimenti provenienti da queste due giurisdizioni sono liberalizzati in misura maggiore. Per esempio, gli studi legali stranieri sono largamente limitati nella loro possibilità di esercitare il diritto in Cina e necessitano di lavorare attraverso uno studio legale locale. Gli studi legali di Hong Kong o Macao possono comunque stabilire una società a responsabilità limitata con soggetti cinesi per fornire piena assistenza legale in Cina.

Tra le altre politiche speciali per gli investitori provenienti da Hong Kong e Macao:

  • I fornitori di servizi di Hong Kong e di Macao sono autorizzati ad aprire imprese di commercio marittimo internazionale all’interno della FTZ.
  • I fornitori di servizi di Hong Kong e Macao possono aprire enti di servizi di intermediazione per studiare all’estero a proprie spese all’interno della FTZ.
  • Le agenzie di viaggio di Hong Kong/Macao (limitate ad un numero di cinque, separatamente) sono autorizzate a fornire servizi di viaggi di gruppo all’estero (con l’eccezione di Taiwan).
  • Gli investitori di Hong Kong/Macao sono autorizzati a fornire servizi medici di fascia alta e lanciare progetti pilota per lo scambio reciproco di pazienti.
  • Le istituzioni non finanziarie di Hong Kong/Macao sono autorizzate a fornire servizi di pagamento di terzi.

Inoltre, gli investitori possono utilizzare il dollaro di Hong Kong e la pacata di Macao direttamente all’interno della Free Trade Zone. Dal 13 luglio 2015 gli investitori che operano o che stanno avviando attività nel Nuovo Distretto di Nansha o nel Nuovo Distretto di Hengqing della Guangdong FTZ possono prendere in prestito fondi in RMB da Hong Kong e da Macao, diversamente dalla limitazione precedente che consentiva di prendere in prestito RMB solo all’interno della Cina.

Politiche fiscali

Anche se non applicata in altre parti della Guangdong FTZ, le imprese qualificate che si trovano nella Qianhai Development Zone e nella nuova area di Hengqin possono godere di un tasso dell’imposta sul reddito d’impresa ridotto del 15 per cento, che è molto simile a quello offerto da Hong Kong e da Macao. Nello specifico, possiedono i requisiti per beneficiare degli incentivi fiscali gli investitori impegnati in servizi tecnologici, nella logistica moderna, nel comparto creativo e nei servizi dell’informazione. Le politiche fiscali preferenziali saranno valide fino al 31 dicembre 2020.

Vantaggi della Shanghai FTZ

Politiche per i visti

Al fine di attrarre maggiori investimenti stranieri, Shanghai ha provato a ridurre le limitazioni per gli stranieri alla ricerca di visti o di permessi di residenza, particolarmente all’interno della Free Trade Zone. A partire dalla fine di Settembre, individui stranieri in possesso dei requisiti possono ricevere offerte di impiego da società della Shanghai FTZ attraverso un invito in forma elettronica ed essere forniti di visto al momento dell’arrivo. Secondo le nuove normative, le società con sede nella Shanghai FTZ possono anche organizzare le procedure di uscita e di ingresso direttamente con l’Exit and Entry Bureau cinese.