Il settore dei cosmetici in Cina: opportunità e sfide per gli investimenti stranieri

A cura di China Briefing.

La Cina rappresenta oggi il secondo mercato al mondo in termini di consumo di cosmetici, secondo solo agli Stati Uniti.Sebbene nel 2014 il settore abbia visto il tasso di crescita più basso dal 2005 (12,3 per cento), il mercato cinese rimane particolarmente redditizio. Secondo le stime di Euromonitor International sui prodotti di bellezza e cura personale in Cina, la crescita del reddito medio delle famiglie non solo è un fattore importante nel determinare il cambiamento delle tendenze dei consumatori, ma sarà anche un elemento chiave nella crescita della domanda sia nelle grandi città come Shanghai e Pechino sia nei centri urbani minori.

Tendenze di mercato

Il settore dei cosmetici rimane uno degli ambiti d’investimento più promettenti in Cina. Infatti, i brand cinesi costituiscono solo il 10 per cento del mercato dei cosmetici, dando così ampio spazio agli investitori stranieri. I consumatori cinesi sono sempre più attenti nell’acquisto, valutando non solo la qualità, ma anche i suoi effetti in termini di salute e sicurezza. Le grandi aziende straniere godono di una vasta reputazione per quanto concerne la sicurezza dei loro prodotti e forse è proprio questo che garantisce loro un vantaggio rispetto ai brand cinesi. Un’altra caratteristica che mostra il cambiamento di gusti dei consumatori cinesi proviene dal Giappone e si tratta del crescente utilizzo di prodotti ‘cosmeceutici’ (Okomp), ossia prodotti che combinano caratteristiche cosmetiche e farmaceutiche, come lozioni e unguenti per la cura dell’acne. Nel mercato della cosmeceutica predominano brand stranieri, come Freeplus, Simple e Vichy, ma recentemente si sono aggiunti anche brand locali quali Tongrentang e Herborist. Queste aziende cinesi si basano principalmente sull’utilizzo della medicina tradizionale cinese, enfatizzando le caratteristiche naturali dei loro ingredienti. Secondo il China Cosmetic Market Report relativo al periodo 2014-2017, si registrano anche crescenti opportunità d’investimento nel settore dei cosmetici per uomo. Le vendite al dettaglio di prodotti cosmetici maschili costituivano il 4,6 per cento nel 2013 e si prevede un ulteriore incremento nei prossimi anni. È interessante notare che il mercato dei prodotti cosmetici per uomo presenta un tasso di crescita superiore rispetto a quello dei prodotti femminili.

Opportunità offerte dall’e-commerce

Il 70 per cento dei prodotti cosmetici in Cina viene venduto in grandi centri commerciali e supermercati. Tuttavia, in seguito al cambiamento delle modalità di acquisto, i consumatori cinesi, specialmente i più giovani, acquistano cosmetici sempre più spesso online. Questo implica un cambiamento nelle strategie di marketing e distribuzione all’interno del settore dei cosmetici, con un’enfasi sempre maggiore sull’e-commerce. Secondo iResearch, il valore totale del mercato dei cosmetici online in Cina era di 8.35 miliardi di RMB (1.35 miliardi di USD) nell’aprile del 2014, con le transazioni Consumer to Consumer (C2C) pari al 63 per cento (856.1 milioni di USD) e le transazioni Business to Consumer (B2C) pari al 37 per cento (502.9 milioni di USD).

Sfide per le aziende straniere

Fino al 2014, noti brand di multinazionali straniere hanno occupato un ruolo di primo piano nella vendita al dettaglio di cosmetici in Cina, occupando il 60 per cento delle quote di mercato. Il loro successo è dovuto a diversi fattori, tra cui una vasta gamma di prodotti, reputazione e qualità ben consolidate, dominio nei mercati di cosmetici sia medium che premium. Tuttavia, aziende cinesi quali Shanghai Jahwa, Proya e Marubi, che dominano la fascia bassa di mercato, si stanno rivelando capaci di competere con i grandi brand internazionali nel mercato dei cosmetici in Cina. Grandi multinazionali occidentali, come Unilever, L’Oréal e Procter & Gamble, non godono più di quel vantaggio storico di cui hanno beneficiato per decenni. Consapevoli del fatto che i brand stranieri non necessariamente soddisfano i loro gusti e bisogni, i consumatori cinesi sembrano preferire brand coreani famosi, ritenuti più adatti alla carnagione asiatica.

Previsioni per il futuro

Il settore dei cosmetici in Cina, caratterizzato da una forte competitività non solo tra multinazionali straniere ma anche tra aziende cinesi e asiatiche, rappresenta una grande opportunità per gli investitori stranieri. La crescente richiesta di cosmetici per uomo, i rapidi cambiamenti nelle tendenze di consumo e nelle modalità di vendita al dettaglio costituiscono elementi chiave per potenziali investimenti esteri. Infatti, con un tasso di crescita attuale del 12 per cento e una futura crescita, il settore dei cosmetici in Cina è sicuramente un ambito d’investimento particolarmente promettente.

News