Come la Cina trattiene i talenti stranieri: Shanghai e Pechino migliorano la disciplina sui permessi di soggiorno

A cura di China Briefing.

In Cina, espressioni come “talenti”, “esperti” o “specialisti di alto livello” vengono utilizzate per fare riferimento sia a direttori di società sia a professionisti con una significativa esperienza nei settori ad alta intensità di tecnologia. L’autorità governativa che si occupa di determinare se un professionista straniero disponga di particolare talento è lo Human Resources and Social Security Bureau (HRSS). Tuttavia, dato che una chiara e ufficiale definizione di questa espressione deve ancora essere fornita, i requisiti cambiano a seconda della località.

In questo articolo, ci si focalizzerà sulle recenti modifiche introdotte dalle amministrazioni municipali di Shanghai e di Pechino ai loro Permessi di Residenza per Talenti Stranieri. Facendo seguito ai meno rigidi requisiti per le richieste di visti e di soggiorno permanente, le nuove politiche rappresentano il più recente passo per trattenere gli esperti stranieri in Cina, delle cui competenze si ha bisogno per lo sviluppo del terziario nel Paese.

Shanghai

Cosa c’è di nuovo?

Il 28 luglio il governo municipale di Shanghai ha pubblicato le “misure amministrative di Shanghai sui permessi di soggiorno per i talenti stranieri” entrate in vigore il 1 luglio 2015 valide fino al 30 giugno 2020.

La modifica principale contenuta nelle nuove misure è rappresentata dall’estensione del periodo di validità del permesso di soggiorno per gli stranieri. Mentre la precedente norma (del 2013) stabiliva il periodo massimo tra uno e cinque anni, il limite è stato adesso esteso a 10 anni. Il periodo verrà stabilito caso per caso dal HRSS della municipalità di Shanghai, in base all’età del richiedente, al titolo di studio, alla specializzazione, all’esperienza di lavoro, al contratto di lavoro e ad altri parametri.

Procedura per la richiesta

Esistono quattro categorie di persone che hanno diritto a richiedere un permesso di soggiorno per stranieri:

  • Studenti stranieri;
  • Esperti stranieri o specialisti di alto livello;
  • Studenti o specialisti che non hanno un hukou cinese ma dispongono sia di un passaporto cinese sia di un soggiorno permanente (o di lungo periodo) in un Paese straniero;
  • Specialisti provenienti da Hong Kong, Macao o Taiwan.

Il permesso dà diritto ai talenti stranieri qualificati e alle loro famiglie – per es. al coniuge ed ai figli minori – ad una serie di benefici relativi all’assicurazione sociale e medica, oltre a politiche preferenziali per l’educazione dei figli che frequentano le locali scuole di Shanghai.

Le richieste devono essere presentate presso l’ufficio HRSS di Shanghai, che espleterà le procedure di revisione entro sette giorni dalla data di deposito. I permessi approvati saranno rilasciati dal Public Security Bureau municipale entro dieci giorni.

I richiedenti devono presentare i seguenti materiali all’ufficio HRSS di Shanghai:

  • Modulo di domanda compilato;
  • Documento di identità valido;
  • Attestato di laurea o certificazioni tecniche e professionali;
  • Certificato di residenza a Shanghai;
  • Valido attestato di buona salute;
  • Contratto di lavoro;
  • Certificato di qualifica del datore di lavoro (o dell’investimento);
  • Certificati che attestino l’assolvimento degli obblighi d’imposta sul reddito nel periodo di occupazione;
  • Qualsiasi altra certificazione pertinente.

Le strategie del governo – come il “1.000 Talent Plan of Foreign Experts” – mira ad attrarre un numero crescente di esperti dall’estero per lavorare su programmi di lungo periodo in posizioni manageriali e di ricerca, mentre i laureati stranieri sono incoraggiati ad iniziare la propria carriera nel Paese. A questo proposito, il governo di Shanghai ha recentemente annunciato Gli stranieri laureati presso le università di Shanghai avranno diritto a fare domanda per un permesso di soggiorno che consente di avviare (chuangye) attività (denominate private affairs) valido per due anni– e che ciò permetterà loro di fare richiesta per un permesso di lavoro.

Pechino

Proprio come a Shanghai, il Public Security Bureau della municipalità di Pechino ha recentemente modificato le regole per il permesso di soggiorno per stranieri del 2013.

In vigore dall’agosto del 2015, le nuove misure tagliano il tempo minimo della procedura per ottenere un permesso nella capitale del Paese, riducendo il tempo per esaminare le richieste da 15 a 10 giorni lavorativi – ad esclusione del giorno di consegna. Inoltre, gli esperti stranieri che vivono a Pechino potranno estendere il loro permesso per un massimo di due-cinque anni.

Per migliorare le locali regole per i permessi di soggiorno per gli stranieri, Pechino sta semplificando notevolmente le procedure per il personale straniero di alto livello e per i talenti che lavorano in città, particolarmente nelle società di alta tecnologia situate nel Zhongguancun China Science Park (ZCSP). Il ZCSP è il centro tecnologico e scientifico del Paese che oggi conta 1.500 centri di ricerca e sviluppo e società di alta tecnologia create o su cui investono società internazionali.

Prospettive future

La domanda cinese di talenti di alta qualità è destinata a crescere nei prossimi anni. Insieme con i miglioramenti intrapresi nelle norme per i permessi di soggiorno e i visti per lavoro, il Paese sta ponendo molta attenzione nell’attuazione di diverse strategie per la formazione di talenti.

News